Coworking in Italia, 640 spazi condivisi, a Milano uno su sei

Secondo il report di Jhon Lang LaSalle nel capoluogo lombardo gli uffici sono cresciuti del 60%, a Roma del 53%, ma le due città sono ancora indietro rispetto a Londra che ha il 22% degli spazi condivisi e dove sono le multinazionali come Facebook ad avere posti di lavoro condivisi. I canoni: dai 75 ai 530 per la scrivania singola

Lavorare meglio è più efficace. Parola di Pierre Marin, amministratore delegato di JLL Italia perché la “human experience” sul posto di lavoro, ovvero il benessere in senso più generico, aumenta la produttività dei singoli lavoratori. Secondo una ricerca di JLL Italia, player immobiliare internazionale, il coworking è presente nel nostro Paese con 640 spazi uno spazio su sei a Milano. JLL Italia ha appena portato WeWork in Italia, affiancandolo nel processo di identificazione e analisi delle due sedi di Milano: quella in via Mazzini 9/11 e quella in via Meravigli 2. Negli ultimi tre anni a Milano gli spazi flessibili sono cresciuti del +60% gli spazi flessibilie del +53% a Roma. Tra gli 80 e i 360 euro i canoni per l’affitto di una scrivania in hotdesk. “Se a Milano sono ancora le piccole realtà o le start up o i professionisti a usufruire di questi spazi, a Londra e Parigi lo fanno anche le multinazionali che non vogliono più troppe strutture fisse. Come per esempio Facebook ha diversi posti di lavoro ‘flessibili’” rivela Marin. La diffusione di nuovi modelli di lavoro orientati alla flessibilità, al benessere e alla mobilità, ha generato in ambito real estate la presenza di un numero crescente di operatori che offrono soluzioni innovative di lavoro condiviso.

Rinnovano l’offerta Wework, The Bureau, Work Club Global
Alcuni grandi operatori internazionali come WeWork, The Bureau e Work Club Global stanno debuttando sul mercato italiano, rinnovando e ampliando l’offerta disponibile. I grandi operatori offrono sempre più spazi ibridi: dalla possibilità di lavorare in open space utilizzando una scrivania non dedicata alla quale si accede con un semplice contratto di membership (per cifre attorno agli 80-100 euro al mese), all’ufficio dedicato in cui le multinazionali che per la prima volta si affacciano in un mercato stanziano il team locale anche per lunghi periodi. Al centro del concetto di coworking ci sono temi che spaziano dalla flessibilità al networking, alla comunicazione e alla collaborazione tra gli utenti. Attraverso l’offerta di servizi fondamentali come la reception, le sale riunioni e per conferenze, gli spazi e l’organizzazione di eventi, i servizi di segreteria e la ristorazione, il coworking si è affermato anche in Italia come modello di spazio di lavoro per privati e per aziende.

Fonte: Corriere della Sera